mercoledì 4 giugno 2014

Querido Brasil...

Querido Brasil...
O que eu posso dizer?
Não acredito que esse dia chegou, o meu último dia nesse país maravilhoso, que desde o começo me encantou com as suas belezas, as suas diferenças, a sua cultura...TUDO! Não acredito mesmo que chegou a hora de eu ir embora, parece ontem que embarquei no avião para vira pra cá, não estou pronta ainda para voltar...
EU.
NÃO.
QUERO.
VOLTAR.
NÃO AGORA.
Nessa situação as únicas palavras que consigo pensar e dizer não são minhas, mas do meu cantor brasileiro favorido, Renato Russo, que numa música dele cantava... “E eu dizia: ainda é cedo, cedo, cedo, cedo, cedo...”
Isso é incrível porque até pouco tempo atrás nunca teria imaginado que esse dia iria chegar, mas, como qualquer dia, chegou, e eu não quero ir embora.
Mas por qué não quero ir embora?
Muita gente já me perguntou isso...como “você não tem saudade da Itália?”. E eu sempre respondo do mesmo jeito...estou com um pouco de saudade sim, mas na verdade não é muita porque voltando pra lá eu deveria deixar aqui no Brasil toda a vida que eu, sozinha, nesses dez meses construi, e isso me apavora, não me faz dormir de noite, me faz chorar, me deixa mal...
É muito dificil, só pessoas que fizeram intercâmbio ou que passaram por situações parecidas podem entender...é como se o nosso coração fosse uma moeda, com duas facetas: uma quer voltar, e a outra quer ficar (“Dechirée, je suis une femme partagée, dechirée, entre deux pays que j'aime, entre deux pays qui m'aiment, faut-il que je me coupe le cœur em deux?”). Me parece tão extranho...eu não quero voltar deixando pra sempre, ou por muito tempo, tudo aquilo que construi com a força dos meus braços e da minha força de vontade. Pelo menos já tenho a certeza do que voltarei um dia...mas o pior é que não sei quando; aqui no Brasil encontrei uma família fantástica, conheci pessoas maravilhosas que me deixaram mais e mais rica, no sentido mental e com as quais eu cresci muito como pessoa: talvez agora ainda não percebo muito isso, mas eu sei que mudei...e sei que quando eu voltar, vou perceber isso ainda mais.
Querido Brasil, queria te agradecer por me ter deixado viver uma vida intera em dez meses no teu solo, na linda Curitiba, me ter feito fazer coisas que eu nunca fiz até aquela hora, viver experiências únicas, e muito mais...
OBRIGADA BRASIL, por todas as pessoas maravilhosas que teve a honra de conhecer, a minha família hospedeira, ou seja, a minha segunda família, os colégas da minha primeira turma (não teve a oportunidade de me despedir de vocês, mas saibam que eu adorei passar aqueles seis meses com vocês, aprender o português, e passar muitos momentos lindos juntos), todos os professores, e os colégas da segunda turma. Pra eles queria fazer um agradecimento amais. Galera linda, queria agradecê-los por tudo, por cada coisa que aconteceu nesses quatro meses passados juntos, por tê-los conhecidos, por todas as risadas e as zueiras, por todas as conversas, por cada coisa, também a menorzinha, que econteceu naquela sala. EU NUNCA VOU ESQUECER VOCÊS, SÓ UM LOUCO SERIA CAPAZ, eu sou meio louca mas nunca vou esquecer isso!

Agora chegou a hora de eu ir embora, querido Brasil, eu não queria ir, mas devo...mesmo contra a minha vontade, esses meses foram absurdos, incríveis, fantásticos, INESQUECÍVEIS. A mala estáolhando pra mim, tanto como a caixa que vou despachar e a mochila...por quantas aventuras passamos!
Eu não quero ir embora, repeti isso umas mil vezes ao longo dessa “carta”, e agora chegou o momento de terminá-la agradecendo-te mais uma vez por tudo aquilo que me aconteceu aqui.

OBRIGADA BRASIL!!

I don't know where I'm going
But I sure know where I've been
Hanging on the promises in songs of yesterday
And I've made up my mind
I ain't wasting no more time
HERE I GO AGAIN.”


Dianella.

domenica 27 aprile 2014

Chi non muore si rivede!

Cucù! Rieccomi qua!
Può sembrare che sia morta ma non lo sono (non ancora, ehehe...), e come il proverbio dice, chi non muore si rivede!
Sono tornata bella gente e QUANTE cose da raccontare...troppe, non so nemmeno da dove cominciare! La cosa migliore sembra andare in ordine cronologico, quindi cominciamo!
L'ultimo post risale all'ultimo dell'anno e quindi questo è il primo del 2014 (buon anno!! Yeeee!!), e con tutta la famiglia abbiamo celebrato con una cena stratosferica e una bellissima serata. Dato che volevo portare qualcosa di buono e tipico italiano da mangiare ho scelto il mio dolce preferito: l'unico, delizioso, squisito, intramontabile, incomparabile TIRAMISU'. Fortunatamente ho trovato il mascarpone (mi è costato un occhio della testa ma almeno ho fatto un figurone) e i savoiardi, così sono riuscita a fare un tiramisù a regola d'arte che è venuto BUONISSIMO e mi ha fatto "arrasar", mi ha fatto fare un successone, spaccare. Alla fine qua l'ultimo dell'anno si festeggia come in Italia: cenone (lenticchie onnipresenti!) con famiglia e/o amici, chiacchiere, giochi, scherzi, etc, e a mezzanotte brindisi e fuochi d'artificio!
Passato capodanno dal 4 al 10 Gennaio con le cugine ospitanti sono andata a Salvador, Bahia.
VOI CHE NON AVETE MAI VISTO SALVADOR NON AVETE IDEA DI QUANTO SIA BELLA.
PUNTO.
Una delle città più belle che abbia mai visto.
Spiagge meravigliose.
Centro storico così bello da farmi sembrare di stare dentro a un romanzo di Jorge Amado (e sti cazzi, bahiano doc).
Cibo squisito (acarajéééééééééééééééééééééééééééé, cocco che non costa niente!!!)
Per non parlare dei ragazzi...uno più bello dell'altro!
Beh, in poche parole una settimana meravigliosa...quanta saudade da Bahia...
Dopodiché sono tornata a Curitiba e ho vissuto l'estate più calda di sempre, e qualche giorno sono andata al mare qua nella riviera del Parana', niente di che, giusto per andare un po' al mare ;)
E così è arrivato Febbraio, e con Febbraio l'inizio della scuola...
Il primo giorno NESSUNO parlava, perché qua generalmente al terzo anno mischiano tutte le classi quindi non sempre ti ritrovi con i tuoi amici degli anni passati, ma almeno nei giorni seguenti tutti hanno iniziato a conoscersi e anche io ad integrarmi nella classe. Nonostante siano quasi tutti 97 sono brave persone, "super gente boa" e mi trovo veramente da dio, questo anche grazie al mio portoghese che continua a ricevere complimenti da tutti: siano compagni, prof o persone a caso! Oltre ai compagni ho cambiato anche i prof, alcuni in meglio (sociologia <3) e altri in peggio...ma succede, non si può avere mai tutto ;)
Continuando nella linea del tempo, dopo Marzo (niente di rilevante) arriva Aprile, e arriva...
Arriva...
Arriva...
SAN PAOLOOOOOOOOOOOOOOOO!!
E...
E...
E...
IL LOLLAPALOOZAAAAAAAAAAAAAA!!!
Con...
Con...
Con...
I MUSEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!
Un sogno che si realizza, andare a vedere i MUSE.
Sì, loro.
Matthew Bellamy.
Cristopher Wolstenholme.
Dominic Howard.
Proprio loro.
Non potevo crederci.
Ma ero lì.
E niente o nessuno mi avrebbero spostata.
Nonostante Matt con al voce al 50% (era malato e nei giorni precedenti era stato costretto ad annullare un concerto) il concerto è stato INCREDIBILE (anche se non hanno suonato la mia canzone preferita, ovviamente una delle perle nascoste, I Belong to You/Mon Coeur S'Ouvre à ta Voix), e come non poteva dare molto con la voce Matt si è sbizzarrito alla chitarra e al piano.
Si vede lontano 100000000000 km che Matt è diplomato al conservatorio in pianoforte, ha un tocco e una fluidità delle dita che solo certe persone hanno, e lui è una di queste! E' una vita che volevo sentire i Muse in concerto, ma per un motivo o per l'altro non ci ero mai riuscita e finalmente questo momento è arrivato, ed è stato meraviglioso, veramente indimenticabile!
Tornando a noi, eccoci qua, alla fine di Aprile, l'estate qui a Curitiba è ufficialmente finita già da un po' ed è tornato il classico e noioso freddo...da qualche giorno non ho scuola perché tutti i prof (e personale scolastico) delle scuole pubbliche del Parana' sta scioperando per motivi più che giusti.
Questo post finisce qua, magari nei prossimi giorni mi faccio sentire di nuovo, magari con un post più psicologico...vedremo cosa ruzzolerà per la mia mente!
Ciao belliiiiiiiiiiiiiii!!
Dianella

martedì 31 dicembre 2013

Another year over...a new one's just about to begin!

Cari lettori,
è da un po' che non mi faccio viva ma capitemi, il mese di Dicembre e particolarmente il periodo delle feste sono sempre dei momenti critici per un exchange student, e oltre a questo è arrivato il 31 Dicembre, l'ultimo giorno dell'anno.
In questo mese sono successe diverse cose, la fine della scuola, due piccoli viaggi (Rio das Ostras, nello stato di Rio de Janeiro e Balneario Camboriù, Santa Catarina), Natale e ora, Capodanno. E' l'ultimo dell'anno, e tutti pensano un po' all'anno che sta per finire e fanno i soliti buoni propositi per l'anno nuovo, anche a me succede, è classico, automatico direi...
Com'è stato quest'anno?
CAOTICO, questa è la parola che lo descrive pienamente.
Gennaio, lo stress del pentamestre scolastico appena iniziato e l'ansia di ricevere la tanto attesa lettera di Intercultura.
Febbraio, LA LETTERA ARRIVA E CON ESSA LA DESTINAZIONE, BRASILE!
Marzo, Aprile, ansie varie, studio che si fa sempre più pesante.
Maggio, studente fatti coraggio: gli ultimi sforzi per PASSARE L'ANNO (e quindi partire) con una media dignitosa.
Giugno, la fine della scuola, i primi "arrivederci", la media dell'8 per il terzo anno consecutivo tanto sognata e sudata, negli ultimi giorni le notizie sulla famiglia, un'attesa lunghissima ma che alla fine ne ha fatto valere la pena e la decisione immediata di cominciare a studiare portoghese.
Luglio, quante cose tutte in un mese solo...qualche giorno di vacanza, TUTTO L'AMBARADAM DEL CONSOLATO, prima e seconda volta, i saluti più duri da digerire (passati a piangere come una fontana fra le sue braccia e continuando a piangere per il viaggio in metro e poi in treno), i miei 18 anni conditi da altri saluti per niente facili, L'ULTIMA VERA PIZZA, e poi...
Agosto, la partenza dalla mia Bolognetta la mattina dell'1, Roma pronta ad accogliermi per una notte, tantissimi ragazzi conosciuti, tutti con diverse destinazioni ma tutte nello stesso paese, e fra questi ragazzi e ragazze colei che ho scoperto essere mia cugina ospitante, Alma. Qua ha inizio il caos...il viaggio, l'incontro con la famiglia, le difficoltà di comprensione (che se non avessi già cominciato a studiare la lingua sarebbero state infinitamente maggiori), l'inizio della scuola, UN NUOVO INIZIO, tutto nuovo, una vita nuova che stava cominciando...nel mese di Agosto, il duro inverno Curitibano (!!!!!SENZA RISCALDAMENTO!!!!!), tutte le stagioni in un giorno solo, MAL DI TESTA PERENNE (e prendere qualche medicina non serviva a niente)...
Settembre, l'adattamento continua, i primi progressi e molte altre cose...
Ottobre, gioie, soddisfazioni ma un vuoto ancora c'era...
Novembre, finalmente dopo cinque mesi ricomincio a fare di nuovo pallavolo e l'incontro con Emanuel.
Dicembre...viaggi, fine della scuola e solitudine, forse tipica delle feste, forse no ma proprio in questo mese a causa di una fortissima instabilità emotiva ho sentito la nostalgia dell'Italia, di diverse persone e del clima delle feste che c'è là. Boh, è difficile da spiegare...io sto bene qua ma ci sono stati momenti  in cui ho pensato "ma che cazzo ci sto facendo qui? E' questo ciò che voglio? Un giorno ne verrà a valere la pena?" ma poi in un attimo tutti questi pensieri erano rimossi e si tornava alla normalità.
Ora sto finendo di scrivere questo post, sarà l'ultimo di quest'anno (ma va?!?!?!?) e basta, me ne vado a festeggiare con tutta la famiglia l'arrivo del nuovo anno, sperando che porti con sé felicità e tutto di buono che possa esistere in questo mondo (ho fatto un tiramisù che è una delizia, gnammm)!
Un bacio e buone feste a tutti,
Diana

venerdì 22 novembre 2013

Parece um sonho...mas é a realidade!

Sembra un sogno...ma è la realtà!
Cosa???
Beh, prima di tutto quest'incredibile esperienza, in poco più di tre mesi ho fatto per la prima volta una serie lunghissima di cose che in tutto questo tempo per un motivo o per un altro non ho fatto, ma poi anche per un fatto specialissimo, accaduto questo pomeriggio.
Cos'è successo di bello?
Oggi pomeriggio ero in palestra a fare allenamento quando è arrivato un ospite SPECIALISSIMO.
Chi???
EMANUEL REGO, CURITIBANO, CAMPIONE DI BEACH VOLLEY (tanto per citare qualcosa, oro olimpico ad Atene 2004, bronzo a Pechino 2008 e argento a Londra 2012).
UN CAMPIONE DEL SUO CALIBRO CHE VIENE A FARE DUE CHIACCHIERE CON NOI ASPIRANTI PALLAVOLISTI, E A GIOCARE CON NOI.
Il mio stato d'animo di quel momento penso sia facile da capire...
ANSIA.
AGITAZIONE.
NERVOSISMO.
CUORE CHE BATTE ALL'IMPAZZATA.
Nonostante ciò sono riuscita a controllare le emozioni e ad evitare che mi giocassero brutti scherzi, infatti le ho usate a mio favore...dando il mio meglio in quei pochi minuti in cui ho giocato con un vero e proprio campione e ricevendo i suoi complimenti!
Proprio così.
Ricevere i complimenti da un uomo che ha scritto pagine della pallavolo e del beach volley in particolare.
Un momento indimenticabile, unico, bellissimo, emozionante!
Vi giuro cari lettori che stavo per esplodere dalla gioia, è stato un pomeriggio fantastico: passato con una grandissima persona, un uomo fantastico, un campione dentro e fuori dal campo, un vero modello da seguire, un'ispirazione.
Chiudo questo post da stanca ma felice, fottutamente felice per aver passato un'altra giornata indimenticabile!

E' proprio vero quello che molta gente dice: "It's not a year in the life, but a life in a year...".

sabato 9 novembre 2013

Matando as saudades!

"Matando as saudades"...ma di che?
Famiglia, no, amici, non proprio, abitudini che si avevano in Italia, no, e quindi di cosa???
GIOCARE A PALLAVOLO E RICOMINCIARE GLI ALLENAMENTI, ecco di cosa FINALMENTE dopo la bellezza di 3 mesi che sono qua e 5 totali da quando sono finiti gli allenamenti in Italia sto letteralmente uccidendo la nostalgia!!!
Martedì scorso finalmente mi sono recata in sta palestra per conoscere l'allenatore e fare un primo allenamento...inutile dire che è stato bello ma anche ENORMEMENTE STANCANTE: sono terribilmente fuori forma, pallavolisticamente parlando e da qua a un mese spero di avere recuperato tutto.
Il momento in cui ho palleggiato, appoggiato in bagher, difeso, battuto ed infine ATTACCATO il primo pallone è stato decisamente SOLENNE: un momento che ho aspettato per moltissimo tempo e che finalmente è arrivato facendomi sentire veramente BENE! Finalmente ho cominciato a fare qualcosa che mi faccia un po' muovere il culo perché dovete sapere cari lettori, specialmente non AFSers, che AFS è anche conosciuta molto scherzosamente come Another Fat Student, per il semplice fatto che generalmente tutti gli exchange student arrivano nel paese ospitante e iniziano a mangiare come dei maiali ingrassando a dismisura, e io non voglio essere una di quelli! Piuttosto dato che sono 5 anni che faccio pallavolo e il Brasile è indubbiamente, inequivocabilmente, ovviamente, certamente e sempre sarà LA PATRIA DELLA PALLAVOLO vorrei tornare in Italia come un'aspirante giocatrice migliore, cresciuta nel suo ruolo (o meglio nei suoi, dato che ne ricopro diversi :P) e soprattutto in tutti i fondamentali. Per questa ragione, cari lettori, nel caso non lo sappiate il Brasile ha sempre avuto sia nel maschile che nel femminile, a parte le nazionali SEMPRE ai vertici mondiali, un modo di giocare tutto suo: infatti già da questi primi due allenamenti che ho fatto ho visto che tutti hanno un ruolo specifico ma a discapito di questo sono dei giocatori COMPLETI, in grado di ricoprire qualunque ruolo oltre  a quello normalmente ricoperto! E questa cosa penso che sia incredibile e bellissima allo stesso tempo...mentre in altri paesi quando vengono affidati i vari ruoli ognuno pensa a specializzarsi in quello e a fare SOLO quello magari trascurando altri elementi che magari non vengono sempre sfruttati in quel ruolo, qua si allena TUTTO, TUTTI FANNO TUTTO e poi ovvio, ci si allena anche nella propria posizione, ma alla fine tu sai fare più o meno bene tutto e quindi se durante una partita ti dovessi trovare nella situazione di dover fare quella determinata cosa che normalmente non fai almeno la sai fare!

Queste erano solo piccole riflessioni su questa prima settimana di allenamenti, ancora dolorante mi vado a riposare un po'...questo weekend sarà tranquillo e rilassante, al prossimo post bella gente!!

lunedì 28 ottobre 2013

Momenti belli e...pazzi!!

Rieccomi qua!
In effetti la costanza non è il mio forte ma alla fine l'importante è non lasciare che questo piccolo blog non faccia la polvere e vada nel dimenticatoio, cosa che, perlomeno per quest'anno, non farò!
L'ultimo mesetto è passato fra settimane piuttosto toste a scuola e bellissimi ed eccitanti momenti!
Il più recente è stato questo fine settimana quando Monica (una volontaria AFS) ha invitato tutti noi ragazzi stranieri (io, Alma, Zoe, tedesca, e Keisuke, giapponese) a pranzo a casa sua e Tarik (un ragazzo turco del mio comitato) ha preparato da mangiare per tutti delle specialità turche. Inutile dire che era tutto BUONISSIMO!!! Abbiamo mangiato veramente come maiali e abbiamo deciso che il prossimo pranzo internazionale sarà rigorosamente ITALIANO!! Io e Alma dobbiamo darci da fare, sicuramente una lasagna fatta come si deve non può mancare, poi magari un tiramisù...ok, sarà meglio che smetta di pensare a queste delizie perché altrimenti mi viene troppa fame!
Dopo dell'ottimo pranzo siamo stati qualche ora a scherzare e a raccontare diverse strane cose sui nostri paesi e sulle nostre culture...è stato fantastico, questa è AFS!! E dopo questa bella chiacchierata Monica ci ha insegnato a fare una DELIZIA brasiliana...il solo, unico, squisito, dolcissimo, supercioccolatoso BRIGADEIRO!! In sostanza il brigadeiro è una pallina di una crema a base di cioccolato in polvere, latte condensato e crema di latte passata poi negli zuccherini per decorare le torte (siano colorati, di cioccolato bianco, al latte o fondente non importa, è sempre ottimo!). Dopodiché con Zoe sono andata a casa di Alma, abbiamo passato la serata insieme, dormito lì e poi domenica con calma siamo tornate a casa.
Un'altra cosa stupenda che mi è successa in questo mesetto è stata non questo fine settimana ma quello scorso!
Dovete sapere cari lettori che nello stato a sud del mio, nel Santa Catarina c'è una fortissima presenza di persone di origine tedesca, presente specialmente nella città di Blumenau dove da 30 anni a questa parte ogni anno si festeggia l'Oktoberfest! Ovviamente non è come quello di Monaco ma come grandezza e affluenza di persone è il secondo al mondo! Fortunatamente la mia famiglia ha dei cugini che abitano lì e quindi è stata una bella bazza!
Siamo arrivati in città nel sabato pomeriggio, giusto in tempo per vedere la sfilata, allegra e divertente! Poi siamo andati a casa dei nostri parenti a riposarci un po' in vista della LUUUUUNGA notte, passata a divertirsi come PAZZI!!
Io normalmente non bevo nessuna bevanda alcolica ma...essendo lì all'Oktoberfest, una cosa che chissà se mi ricapiterà mai ho assaggiato la birra e a parte il frizzante (che comunque detesto) mi è piaciuta!

Insomma, è stato veramente un pazzo weekend...sto passando dei momenti meravigliosi qua in Brasile, sto cercando di APROVEITAR di tutto ciò che posso e spero solo che tutto possa migliorare!

Ci si risente ap prossimo post bella gente!

giovedì 26 settembre 2013

Estou de volta!

Estou de volta! I'm back! Je suis retournée! Sono tornata!
In effetti sono stata assente per un bel po'...ho avuto una bella serie di "sfighe tecnologiche" che mi hanno quasi impossibilitato l'accesso a internet e poi spesso non avevo niente di interessante da raccontare qui su questo blog!
Nonostante ciò in questo quasi mese di assenza di cose ne sono successe...partendo dalle più recenti, nel mio ultimo post ho annunciato la notizia bomba del concerto degli Iron Maiden (con Slayer e Ghost ad aprire), ebbene...CI SONO ANDATA!!
IO C'ERO.
E' stato uno di quei treni che sai che passano quasi solo una volta nella vita, e una volta che ti si presenta davanti NON SAI se ritornerà, e le lo dovesse fare sarà solo dopo diversi anni! Questo è ciò che mi è successo, ho visto la notizia, sono rimasta SCONVOLTA, ho realizzato che era una notizia vera e non una bufala, ho sentito Alma (una ragazza italiana che qua in Brasile è mia cugina, è ospite nella famiglia della sorella di una delle mie mamme), abbiamo deciso di APROVEITAR (approfittare) di quest'occasione, abbiamo chiesto alle nostre famiglie il permesso, abbiamo comprato il biglietto e abbiamo aspettato...
Aspettato...
Aspettato...
Fino a quando il giorno prima del grande giorno è arrivato!
Dopo aver passato sui banchi di scuola quasi 6 interminabili ore siamo andate in un negozio di tecnologia e strumenti musicali che per quel giorno non era un normale negozio...per quel giorno era pieno di persone ansiose di ritirare il proprio biglietto per il concerto, e fra di loro c'eravamo anche noi!
E' difficile spiegare a parole la sensazione di avere in mano il biglietto di un concerto, specialmente se lo stai aspettando da molto tempo ed è di una o più band o cantante che ammiri molto. Prima di tutto viene la gioia, una gioia data da un semplice pezzo di carta con stampate diverse scritte, insieme a questa gioia anche euforia e ANSIA, quell'ansia tipica che si prova prima di un concerto, comunemente detta ansia pre-concerto! Ovviamente queste sensazioni sono soggettive...questo è quello che succede a me, poi ognuno prova quello che sente! ;)
Dovete sapere cari lettori, che nella mia scuola ogni anno c'è questa settimana diversa dalle altre, infatti si chiama "settimana culturale", che dura 4 giorni...nei primi due, tutti i ragazzi della scuola presentano ai propri compagni e ai diversi professori i lavori di gruppo che hanno preparato nelle settimane precedenti (sotto la supervisione di un prof), e nei secondi due sono i professori a tenere delle "lezioni" fuori dal comune, affrontando temi riguardanti la propria materia che normalmente non vengono affrontati durante le normali lezioni, generalmente argomenti assai interessanti! Il concerto infatti è caduto proprio in uno di quei giorni, e proprio la mattina del giorno tanto atteso io ero lì a scuola con i miei compagni a presentare il nostro lavoro...un'analisi molto interessante delle relazioni fra matematica e musica! Fortunatamente è andata bene e dopo scuola, un pranzo veloce e via a prendere il bus per raggiungere il luogo del concerto!
Una volta arrivate ci siamo messe in quella fila che sembrava interminabile ma che dopo poco tempo si è accorciata sempre più fino a farci entrare...
Arrivare finalmente nel luogo del concerto, vedere una marea di gente ansiosa di vedere una delle proprie band preferite (se non proprio preferita) mi ha fatto sentire a casa, avevo veramente bisogno di un evento del genere!
I CONCERTI, e lo ripeto, concerti, di rock/metal specialmente, mi fanno sentire VIVA, risvegliano il mio cuore e gli fanno pompare sangue più forte che può per risvegliare tutto il mio corpo, magari assopito per aver ascoltato troppa musica spazzatura! Avevo bisogno di questo, sentirmi viva, sentirmi bene, in mezzo a gente che mi capisce, che capisce una delle mie più grandi passioni, la MUSICA.
Musica.
Quella cosa che ti entra dentro e ci rimane, senza che tu possa farci niente, senza che tu possa contrastarla.
Un brivido perpetuo lungo il corpo.
Così è stata la serata...per primi sono saliti sul palco i Ghost, un gruppo interessante e particolare, che ho apprezzato molto, poi si è passati al metal adrenalinico degli Slayer e poi...
LORO.
Gli IRON MAIDEN!
Due ore ininterrotte di concerto...sarebbe stato veramente eccellente ma purtroppo Bruce aveva la voce fiacca...e dato che gli altri erano carichissimi si è sentito! Fortunatamente era fiacco solo di voce, la sua solita presenza scenica esplosiva era più che presente, infatti questo ha reso lo spettacolo FANTASTICO!!

Ora tutto questo purtroppo è passato ma il 15 Ottobre sempre qui a Curitiba ci sarebbero gli Aerosmith con i Whitesnake ad aprire e sarebbe fighissimo andarci!! Sentire la canzone che sta facendo da colonna sonora a questo mio anno in Brasile dal vivo...
Beh, per ora concludiamo qua sto post, ci risentiamo al prossimo!

P.S. Ecco qua due video che ho fatto...la qualità non è il massimo ma meglio che niente!
Ghost - Year Zero http://www.youtube.com/watch?v=DJtda7wkT_M
Iron Maiden - The Number of the Beast  http://www.youtube.com/watch?v=pMR04UIPghM